Domenica 26 febbraio – clicca per leggere tutto…

tau-san-francescoQuando parliamo di provvidenza pensiamo subito al buon Dio che, indipendentemente da noi, governa il corso delle cose. Il vangelo ci sposta lo sguardo suggerendoci di vedere la provvidenza come modalità di porsi dell’uomo davanti alla vita e al creatore. Una modalità in cui le preoccupazioni e gli affanni non tolgano il fiato, ma siano abbracciati dal sentirci avvolti dalla cura del Dio fedele, il Dio che pro-vede (vede prima e in favore di).

Vivere di provvidenza, dunque, non è banale ottimismo o disincarnato spiritualismo, ma coscienza di essere figli del Dio che sa ciò di cui abbiamo bisogno; non fuga dalla realtà o licenza di disimpegno, ma radicamento nell’oggi e invito a viverlo davanti a Dio. Orientandoci all’essenziale: cercate anzitutto il regno di Dio!

Dal Calendario del Patrono d’Italia 2017 – Ed. Biblioteca Francescana – info@bibliotecafrancescana.it