Martedì 14 novembre – clicca per leggere tutto…

tau-san-francesco

Le parole di Gesù ci ricordano una verità essenziale: l’uomo non può paragonarsi a Dio; non può pretendere di stabilire come Dio debba comportarsi con l’uomo, né tantomeno sostituirsi a lui invertendo i ruoli. Dio non può essere a disposizione dei capricci umani. È una tentazione, è il peccato originario.

Siamo invitati a riconoscere la verità di Dio e dell’uomo: diversi eppure vitalmente dentro la stessa relazione. Se l’uomo sta al suo posto e vive in obbedienza di fede, allora sarà il Signore a suo tempo a farlo sedere alla sua mensa, e passerà a servirlo. Questa è la gloria di cui godono i martiri: fedeli fino in fondo, per sempre partecipi del banchetto celeste del padre.

Dal Calendario del Patrono d’Italia 2017 – Ed. Biblioteca Francescana – info@bibliotecafrancescana.it