Venerdì 12 gennaio – clicca per leggere tutto…

tau-san-francesco

Se i medici migliori sono quelli che fanno la diagnosi più approfondita, allora Gesù fa sicuramente parte della categoria. Tutti potevano vedere la mia malattia fisica, tanto più che lo spettacolo non era mancato, con quella trovata dei miei amici di farmi passare dal tetto.

Ma lo sguardo del Signore è andato più in profondità, dove si nascondeva un male non rilevabile con mezzi umani, una paralisi non dei miei arti, ma del mio cuore, che si era indurito come pietra e non sapeva più amare. E Gesù alla diagnosi ha fatto seguire subito la cura, con quelle sue parole misericordiose che mi hanno liberato dal male antico.

Per completare l’opera, mi ha rimesso pure in piedi, per far ricredere i soliti scribi sospettosi, ma soprattutto per farmi gustare la libertà di seguirlo con tutto me stesso.

Dal Calendario del Patrono d’Italia 2018 – Ed. Biblioteca Francescana – info@bibliotecafrancescana.it