Venerdì 11 ottobre – clicca per leggere tutto…

tau-san-francesco

Quando lo spirito impuro esce dall’uomo, si aggira per luoghi deserti cercando sollievo e, non trovandone, dice: «Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito».

Diceva il card. Martini che la vita dell’uomo è concepita nella scrittura come una vita di contrasto: non esiste soltanto un attore che sta fermo, va avanti o indietro, ma esistono attori che si contrastano. Proprio a partire da questa concezione nasce il concetto di Dio liberatore.

Il brano evangelico oggi proposto permette di cogliere in Gesù questa azione liberante di Dio. Il Dio che Gesù annuncia è colui che può rompere ogni circostanza di schiavitù, di asservimento, di oppressione; ma, soprattutto, è colui che vuole togliere dal cuore  tutto ciò che divide l’uomo, che lo tiene schiavo della paura, che lo allontana dall’amore.

Vigilanza è dunque sapere che siamo continuamente minacciati dal male, ma abita in noi lo Spirito del Signore. «Dove c’è lo Spirito del Signore c’è libertà» (2Cor 3, 17).

Dal Calendario del Patrono d’Italia 2019 – Ed. Biblioteca Francescana – info@bibliotecafrancescana.it