Venerdì 8 novembre – clicca per leggere tutto…

tau-san-francesco

La scaltrezza, normalmente, non gode di buona fama; viene spesso associata al danno arrecato ad altri. In realtà, la scaltrezza di cui parla Gesù, è finalizzata solo al bene degli altri e, per questo, rappresenta anche un bene per se stessi.

Non si tratta di cavarsela, anche nelle situazioni più difficili, con un calcolo egoistico; questo lo fanno appunto i figli di questo mondo, che sono amministratori disonesti di beni di cui si considerano padroni. Ma la scaltrezza che devono vivere i figli della luce, nella quale non possono farsi superare da chi pensa solo a se stesso, sta proprio nel non contare sulla ricchezza che, prima o poi, verrà a mancare, ma su quella ricchezza che è una vita vissuta per condividere e donare, specie con quanti sono poveri.

Di questa scaltrezza nessuno ha paura. A parte, forse, chi è chiamato a viverla, osando di più.

Dal Calendario del Patrono d’Italia 2019 – Ed. Biblioteca Francescana – info@bibliotecafrancescana.it